Login
Registrati

Chi siamo
关于 cinaoggi
Contattaci
Pubblicità su Cina Oggi
 
Web www.cinaoggi.it
 

Dizionario INGLESE - CINESE

 

Creative Commons License
CinaOggi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

network

a

a

 

 

 

 
Home > Economia >
 

Gli acquisti on line sono oggetto di lamentele dopo le vacanze del primo maggio

12 maggio 2006 - Nel pomeriggio del 7 maggio, l'Ufficio del commercio e dell'industria di Pechino ha reso pubbliche le lamentele dei consumatori deposte nel corso della settimana di vacanze del primo maggio, cosi' come i risultati riguardanti il controllo della qualita' degli alimenti prelevati. Acquisti e giochi on line sono le maggiori cause di lagnanza. Secondo l'Ufficio, delle leggi sono in preparazione per rinforzare il controllo del commercio elettronico.
Secondo Jia Yingchi, direttore del Centro 12315 per il servizio consumatori, il suo centro non ha ricevuto alcuna lamentela collettiva o riguardante biglietti venduti sottocosto durante le vacanze del primo maggio. Il mercato turistico non ha registrato rimostranze. I due numeri verdi 12315 e 96315 hanno ricevuto 327 chiamate, vale a dire una riduzione del 6,3% rispetto all'anno scorso. L'elettro manager, gli oggetti ordinari e i servizi post-vendita sono i primi tre fattori oggetto di lamentele; incentrate per lo piu' su clausole di contratti e documenti non forniti dai rivenditori.
I 225 dossier del Centro 12315 portano anche su casi di venditori senza licenza, contraffazioni e pubblicita' menzognere, vale a dire un aumento del 19,68% rispetto all'anno scorso. Secondo Jia Yingchi, il Centro 12315 ha costituito 10 dossier sulla vendita in Internet e la vendita diretta in televisione, mentre l'associazione dei consumatori ha prodotto 14 dossier sulla vendita in internet, specialmente circa la non corrispondenza tra la qualita' del prodotto e la pubblicita' dello stesso, i cambiamenti non annunciati di ruolo nel corso di giochi on line, le interruzioni frequenti della connessione, la velocita' troppo lenta di navigazione, le consegne non effettuate dopo la riscossione.
Liu Jian, vice-direttore dell'Ufficio del commercio e dell'industria di Pechino, ha rivelato che con l'amministrazione municipale e le parti in causa si discutera' un progetto di legge dettagliato sul controllo del commercio elettronico.