Login
Registrati

Chi siamo
关于 cinaoggi
Contattaci
Pubblicità su Cina Oggi
 
Web www.cinaoggi.it
 

Dizionario INGLESE - CINESE

 

Creative Commons License
CinaOggi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

network

a

a

 

 

 

 
Home > Economia >

Smascherate le censure di Google e Yahoo

17 marzo 2006 - Due universitari hanno realizzato un insolito motore di ricerca per scoprire come Google e Yahoo! censurano l'informazione in Rete. Lo strumento permette di comparare la situazione tra Cina, Francia, Germania e USA

Bloomington (USA) - Mark Meiss e Filippo Menczer, due giovani informatici della Indiana School of Informatics, hanno pensato di creare un motore di ricerca per scoprire come agisce la censura di stato sui due maggiori indici del pianeta, quelli di Google e Yahoo.
CenSearchIp è infatti uno strumento che permette di comparare le differenze tra i risultati di ricerca offerti dalle versioni localizzate dei due portali. Attraverso una semplicissima interfaccia, CenSearchIp può analizzare l'output testuale e visivo fornito da Yahoo e Google.

"Il nostro obiettivo è rilevare l'impatto della censura online sulla Rete globale", sostiene Menczer, "dando l'opportunità di vedere le varie differenze tra un paese ed un altro". I paesi coinvolti dal progetto di ricerca sono finora soltanto quattro e CenSearchIp visualizza un'analisi comparata dei diversi risultati di ricerca ottenibili in Cina, negli Stati Uniti, in Francia ed in Germania.

Il flusso di immagini e testi associati a semplici parole chiave, come ad esempio Tiananmen, cambia a seconda della posizione geografica del motore di ricerca. "Quando si mette a confronto i risultati del Google cinese e della sua controparte negli Stati Uniti", dice Meiss, "i risultati sono completamente differenti".

"In Cina", aggiunge il programmatore, "i siti più bloccati sono quelli appartenenti al mondo dell'informazione occidentale". Ma la censura esiste anche in Europa, seppur rivolta ai cosiddetti siti dell'odio. Meiss ricorda dunque che in Germania "tutti i siti che hanno legami con la galassia neonazista o d'estrema destra sono oscurati".

Il progetto dei due giovani ricercatori è soltanto l'inizio di un'iniziativa promossa dall'Università dell'Indiana, volta alla creazione di modelli analitici per capire l'impatto della censura online nella diffusione delle informazioni.

"I motori di ricerca sono ormai diventati i maggiori punti d'accesso per ottenere l'informazione in Internet", conclude Menczer, "ed osservare a le dinamiche della censura serve per capire l'intero fenomeno dell'informazione digitale".

Tommaso Lombardi

Tutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L'editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.