news cina

China Trends
China Tunz
China X-Files
Google
 
Web www.cinaoggi.it

Home > tutte le news

 

Singapore, censurato il blogger più famoso

Il più seguito blogger della ricca città stato asiatica è nel mirino del Governo. Singapore non desidera commenti politici che remino contro l'amministrazione pubblica. Blogofobia alla cinese?

8 luglio 2006 - Singapore - Il governo di Singapore, la ricca "perla dell'Oriente", ha condannato ufficialmente la libertà d'espressione che si respira su Internet. Il ministro delle comunicazioni si è infatti accanito contro Mr. Brown, nome d'arte di Lee Kin Mun: Lee è il più noto blogger di tutta Singapore ed usa Internet per criticare l'amministrazione pubblica della città stato.
I suoi articoli sono ospitati settimanalmente su un quotidiano locale, come riporta il seguitissimo blog BoingBoing. E uno di questi è stato ritenuto dal governo "eccessivamente critico". L'Esecutivo ha redarguito ufficialmente Lee, definendolo "scrittore politicizzato che destabilizza l'ordine costituito e mina la fiducia degli elettori". "Giudicare l'operato del governo", ha detto la portavoce del ministero, Krishanasamy Bhavani, "non è il ruolo dei giornalisti e dei mass media".

Dopo pochi giorni, la rubrica di Lee sul quotidiano è stata sospesa e il reporter è stato costretto ad accettare la censura senza controbattere.

"Una reazione di questo tipo è veramente preoccupante", hanno detto immediatamente gli esperti di Reporters Sans Frontières: "È un monito del governo a tutti coloro che intendono criticare l'establishment politico". L'informazione a Singapore, specialmente quel che riguarda la sfera online, è sottoposta a censure e severe regolamentazioni, specie dopo disdicevoli episodi legati a siti dal contenuto razzista.

La struttura sociale di Singapore è estremamente composita ed il governo ha paura che una qualsiasi fuga di notizie incontrollata possa scatenare gravi dissidi tra la popolazione, appartenente a decine di diverse religioni, culture ed etnie.

Tutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L'editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.

CinaOggi

Creative Commons License
CinaOggi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons