Login
Registrati

Chi siamo
关于 cinaoggi
Contattaci
Pubblicità su Cina Oggi
Google
 
Web www.cinaoggi.it
 

Dizionario INGLESE - CINESE

 

Creative Commons License
CinaOggi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

network

a

a

 

 

 

 
Home > News >

Pechino, carcere preventivo per blogger

23 marzo 2006 - Hao Wu, già residente negli Stati Uniti, è sparito dalla circolazione durante le riprese di un documentario indipendente sulla cristianità in Cina. È stato sbattuto in carcere e non si sa perché

Pechino - Un giorno molto triste per l'informazione indipendente che viaggia su Internet: il giovane blogger Hao Wu, documentarista ed appassionato di giornalismo d'inchiesta, si trova in carcere da un mese. Hao è stato arrestato senza motivo durante le riprese di un documentario sulla cristianità "abusiva" nella Repubblica Popolare Cinese, ovvero sulla galassia di chiese clandestine non approvate dal governo - tra cui figura anche la Chiesa Cattolica.

Hao Wu è letteralmente sparito dalla circolazione lo scorso febbraio. La polizia di Pechino ha confermato il suo arresto, ma non ha fornito ulteriori informazioni. I portavoce della rappresentanza diplomatica cinese in Italia non hanno saputo commentare il caso.

Collaboratore di Global Voices, Hao era tornato in Cina dopo 10 anni di soggiorno negli Stati Uniti, dove ha lavorato presso un ISP locale.

La sua famiglia d'origine, residente in Cina, ha rifiutato ogni contatto con la stampa per paura di ritorsioni da parte del governo cinese. Il blog del giovane, dedicato alla città di Pechino, non è più aggiornato dal 22 febbraio.

Molto attivo sul fronte politico, schierato in difesa delle libertà democratiche, il giovane laureato in biologia, improvvisatosi inviato speciale, s'occupava soprattutto di temi scottanti e sicuramente non graditi dal governo comunista.

I colleghi e gli amici di Wu hanno lanciato una campagna online per sostenere la sua liberazione. Gli autori del sito sostengono che "le autorità hanno catturato Hao per costringerlo ad usare tutte le sue conoscenze contro i vari movimenti cristiani abusivi che vivono nel sottobosco della società cinese".

Tommaso Lombardi

Tutti i contenuti di Punto Informatico sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo di Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L'editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su Punto Informatico avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d'invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.